fbpx

Una chiacchierata con Davide Fazio

Ciao Davide, io e te collaboriamo da anni e per entrambi le EMOZIONI sono le protagoniste dei nostri eventi. Le tue foto parlano da sole e non hanno bisogno di presentazioni. Tu sei un esperto di fotografia in vari ambiti, ma il Wedding è sicuramente un settore in cui le emozioni hanno un ruolo chiave: devono essere immortalate, in modo che a distanza di anni possano essere rivissute. Credo che uno scatto possa custodire l’intensità di un momento, e strapparci un sorriso, o persino una lacrima, quando lo riguardiamo. Almeno per me è così.

Secondo te c’è uno stile specifico da seguire nei servizi fotografici matrimoniali per catturare le emozioni?
A dire il vero, Paola, non esiste un solo stile: nell’ambito della fotografia per i matrimoni esistono diverse opzioni, queste sono le principali:
– Lo stile classico o posato
– Lo stile artistico o di Fine Art
– Lo stile Fashion
– Lo stile Boudoir
– Lo stile reportage o documentaristico
Come vedi, i modi per raccontare un matrimonio sono moltissimi! E proprio per questo solitamente ciascun fotografo si specializza in uno stile, che poi fa proprio.

Meglio il classico servizio con le foto in posa o un servizio in stile reportage?
Posso dirti in totale sincerità che non amo i servizi interi in posa perché rendono il tutto un po’ finto e poco naturale… oltre, forse, ad annoiare un po’. Prediligo di gran lunga la fotografia spontanea, perché consente di cogliere ogni attimo nella sua unicità. Quindi, personalmente, “vado a nozze” con lo STILE REPORTAGE, ispirandomi molto ai fotografi britannici. Ogni scatto che andrà in consegna agli sposi viene post-prodotto e verificato da me con molta cura e passione.

Quali suggerimenti ti senti di dare ai futuri sposi che vivono con imbarazzo l’idea di essere paparazzati nel loro giorno?
È importante che gli sposi conoscano bene il professionista a cui affideranno il loro giorno più bello, e se non è loro desiderio vivere la sensazione di “essere inseguiti” dal fotografo, dico loro di affidarsi a qualcuno che possa mostrar loro dei servizi wedding in stile reportage. A dire il vero direi loro… affidatevi a me!

Argomento che a noi donne sta molto a cuore: i DIFETTI. Una foto è per sempre… se non si è, o non ci si sente particolarmente fotogenici, oppure se si ha un difetto che in foto proprio non vogliamo che venga evidenziato (tipo un naso pronunciato o un neo evidente), cosa si può fare?
È bene che gli sposi facciano presente le loro esigenze al fotografo, affinché quel giorno tutto possa andare per il meglio. Abbiamo una grande fortuna: il DIGITALE, che dà la possibilità di effettuare molte correzioni. Ma è fondamentale che specifiche esigenze vengano comunicate per tempo, in modo tale che lo staff abbia bene in mente le inquadrature migliori per gli scatti.

Tu incontri prima i tuoi sposi per studiare i loro lati migliori, le loro caratteristiche (sia fisiche che caratteriali), oppure preferisci affidarti alla spontaneità del momento?
Solitamente incontro gli sposi almeno 2/3 volte e ho una serie di domande da porre loro per conoscerli meglio e capire qual è il servizio fotografico che davvero desiderano.
Non affido mai nulla a caso, ma certamente lascio anche spazio alla spontaneità nei miei scatti durante quella giornata.

La foto che ricordi con più simpatia?
Le foto fatte ai bimbi durante un matrimonio lasciano sempre un segno indelebile… la loro spontaneità è unica!

La più originale?
Una bellissima bimba che ha fatto da damigella per la sua mamma, facendo ben due cambi abiti (Paola, tu sai a quale bimba mi riferisco, vero?)

La foto che non hai scattato e avresti voluto scattare?
Un abbraccio meraviglioso tra padre e figlia… in quel momento la macchina fotografica si è spenta all’improvviso.

L’episodio più divertente nel dietro le quinte di un evento? (Mentre faccio quest’ultima domanda a Davide, sorrido. Conosco già la risposta. Anche se, quel giorno, c’era ben poco da ridere: ricordiamo che durante un matrimonio, al quale lavoravamo insieme, un cameriere ci ha messo in difficoltà, perché avrebbe voluto prendere il nostro posto e fare tutto lui: wedding planner, fotografo, capo sala… con professionalità e grande classe, siamo riusciti entrambi a gestire quella personalità un po’ sfrontata. Ora, al ricordo dell’episodio, sorridiamo entrambi).
Sono gli imprevisti del mestiere!

È vero, sono gli imprevisti del mestiere, l’importante è saperli affrontare. Grazie Davide per la chiacchierata!

Per seguire Davide e dare un’occhiata ai suoi lavori, ecco i suoi contatti:

www.davidefazio.it
https://www.facebook.com/DavideFazioFotografia/
@davide_fazio_wedding_and_event
Info@davidefazio.it